Presentata a Davos (SUI) la nuova edizione di Epic Ski Tour
Tappe in Svizzera, in Valle d’Aosta e conclusione a Trento
Gare ad alto livello ma anche escursioni per amatori puri con le guide alpine
A Davos apertura con Vertical notturno e una spettacolare Individual

Per la prossima settimana le previsioni meteo annunciano nevicate in quota, tanto attese dagli appassionati e su cui contano molti organizzatori di eventi invernali. Le cime che fanno corona a Davos, nel cantone dei Grigioni in Svizzera, sono già imbiancate e a breve appunto è attesa la prima neve anche in tutto il comprensorio. Quale momento migliore, allora, per presentare un nuovo evento di scialpinismo? E così ecco le novità di Epic Ski Tour che per questa stagione 2019/2020 inizia un nuovo percorso. Dopo tre anni con gli eventi in Val di Fiemme ed in Val di Fassa, Epic Ski Tour diventa ancora più allettante con tre inedite location e con la prima tappa che varca i confini nazionali e approda a Davos. Ouverture quindi in Svizzera con tre giornate invitanti, poi una seconda tappa in Valle d’Aosta a Saint-Rhémy-en-Bosses nell’alta valle del Gran San Bernardo, e infine una tappa conclusiva a Trento con le competizioni sul Monte Bondone.

Date ben diversificate per questo Epic Ski Tour, con l’appuntamento in Svizzera dal 20 al 22 dicembre, in Valle d’Aosta dal 14 al 16 febbraio e infine a Trento dal 6 all’8 marzo, con una degna e scoppiettante conclusione con uno stand alla Fiera di Bolzano in occasione di Prowinter dal 7 al 9 aprile. In questo nuovo corso Epic Ski Tour – come ha sottolineato Kurt Anrather CEO di Curtes, la società organizzatrice – andrà a perseguire con maggior convinzione soprattutto lo spirito “4All”. La prima tappa di Davos sarà una tre giorni dai contorni agonistici molto forti nelle prime due giornate, mentre domenica 22 sarà “4All”, dedicata esclusivamente agli appassionati, che avranno la possibilità di praticare lo scialpinismo non agonistico ma con belle escursioni coordinate da guide alpine specializzate e divisi in tre gruppi, ovvero Rookie, Beginner e Advanced in base alle proprie capacità. Venerdì 20 è prevista una spettacolare ‘Vertical’ con finale in notturna, 1000 metri di dislivello e 600 per le categorie giovanili e Hobby, sabato invece ci sarà una Individual con affascinanti passaggi in cresta e con un totale di 1600 metri di dislivello, limitati a 800 metri per i giovani. Al Centro Congressi di Davos, dove si tengono abitualmente meeting, congressi e celebri forum come l’annuale “World Economic Forum”, a presentare Epic Ski Tour c’erano, oltre a Kurt Anrather, anche Daniel Buehlmann, affermato tracciatore e tecnico dello ski-alp, Beda Gujan che sarà on line settimanalmente con suggerimenti utili alla preparazione alla gara, e Piero Lutzu del comitato organizzatore della Valle d’Aosta.

La gara “Vertical” del 20 dicembre scatta in località Bolgen dalla stazione a valle della funivia, per concludersi a Jakobshorn, una salita di 4,6 km con un primo tratto nel bosco fino a Jschalp, per sfogare poi tutta la “potenza” sfruttando all’insù le piste del comprensorio fino in cima a Jakobshorn, con un ultimo tratto sulla pista nera che presenta pendenze fino al 40%. Da quota 1533 i partecipanti Overall, Master e GranMaster saliranno fino ai 2533 metri. Per le categorie U17, U20 e Hobby è previsto un tracciato ridotto con dislivello di 600 metri sulla distanza di 2,8 km, con partenza da Jschalp e conclusione come la gara maggiore a Jakobshorn, una delle affascinanti montagne delle Alpi dell’Albula che sovrasta Davos nel cantone svizzero del Grigioni. La partenza di sabato 21 per l’Individual avverrà invece da Jschalp, a 1933 metri di altitudine. Da lì si affronteranno quattro salite e ci saranno due passaggi da effettuare a piedi, uno in cresta e uno in discesa, ma senza ramponi. In quella zona si possono ammirare scorci incredibili a quota 3.000, si scorgeranno anche il Massiccio del Bernina (4000), il Piz Kesch e il Rätikon, e dalla seconda salita sarà visibile tutta la zona di Davos con il lago omonimo. Per i 4All della domenica (gli amatori) ci penseranno le guide alpine, ci sono più possibilità di percorso ma dipenderà dalla situazione della neve.

Epic Ski Tour “4All” vuole essere anche un festival dello scialpinismo, in ciascuna tappa sarà allestito un grande villaggio con Expo e soprattutto col ‘Testival’, un’area dove neofiti, curiosi ed appassionati avranno la possibilità di testare l’attrezzatura da scialpinismo che poi potranno anche noleggiare per le escursioni della domenica. Presentata a grandi linee da Kurt Anrather e da Piero Lutzu anche la tappa valdostana (14-16 febbraio) che si svolgerà a cavallo dei comuni di Etroubles, Saint-Oyen e Saint-Rhémy-en-Bosses e interessa la vallata di Citrin e di Flassin. Il finale di Epic Ski Tour dal 6 all’8 marzo avrà come base logistica la città di Trento con l’expo, mentre per le gare appuntamento sul Monte Bondone, anche qui con attività agonistiche e “4All”.

Iscrizioni aperte per la tappa di Davos e info sul sito:   www.epicskitour.com

Fonte:   Ufficio Stampa Newspower

I commenti sono chiusi.

Ski Nordik Forum
L'esperto risponde

Continua anche per la stagione 2018/19 la collaborazione con Angelo Carrara responsabile test ricerca e sviluppo di Briko Maplus che sarà disponibile da mercoledì 2 gennaio 2019 a mercoledì 7 febbraio 2019 per rispondere, su Ski Nordik forum, ai vari quesiti di sciolinatura e preparazione dei materiali.

Le ultime dal Forum

ULTIMI MESSAGGI

Re: Engadina 2019-2020 - cactaceo
Re: Week-end 16-17 novembre - cactaceo
Re: Engadina 2019-2020 - daddi
Re: Week-end 16-17 novembre - vado a fondo
Re: la venosta - cactaceo
Re: la venosta - davide1967
Re: la venosta - andreapd
Re: Week-end 16-17 novembre - andreapd
Re: RIALE 2019-2020 - woolloomooloo
Re: Week-end 16-17 novembre - davide1967


51571 messaggi in 3989 discussioni
1635 iscritti - Ultimo iscritto: daddi