SNC 2014 - La giornata


albyerto
Messaggi: 630
Iscritto il: 26 gen 2009, 18:54

Messaggioda albyerto » 9 feb 2014, 15:42

La concomitanza con Sochi 2014 non oscura d'un niente l'evento.
Anzi.
Bello viverlo, sciarlo ancor di più.
Credo arriveranno resoconti dettagliati, dico solo è stato divertente. Altrochè.


********
Inizio dalla cronaca della mia gara.

Cinque giri, distanza di 9,5 km. Neve piuttosto veloce, nonostante fosse nevicato il giorno precedente e nevischiato nel corso di tutta la giornata.
Neve meravigliosa per essere 'sciata', facile, 'scricchiolante' ma compattata al punto giusto.

Parto davanti insieme ad olda. Il tacito accordo è di spingere a fondo all'inizio per giocarsi la gara sul finale. Quasi subito andiamo via in tre, io Olda e Migly. Sulla salita del secondo giro Migly perde qualche metro, io non ne ho quasi piu , comunico ad Olda intento a spingere che siamo soli.
Lui si gira e chiede 'chi sei?'.
Capisco che anche lui sta facendo fatica.
Meno male.
Ci si rialza un attimo, sciamo il terzo e quarto giro regolari, controllando che dietro Migly non rientri.
I miei sci eran più veloci rispetto quelli di Olda. Ogni discesa riuscivo a prender 15 20 metri di vantaggio.
Al passaggio sul traguardo, al suono della campanella dell'ultimo giro, ho qualche metro di vantaggio.
Mi dico, 'vado'.
Testa bassa e spingo. Ma non vado lontano. sulla salita mi riprende, sono fuori giri.
Sento i suoi bastoni sulle caviglie, penso solo ad arrivar prima possibile in cima alla salitella, manca lo spazio per passare e scollino davanti.
A quel punto è quasi fatta. Penso solo a spinger più possibile fino al traguardo, sci piu veloci, un pizzico di cattiveria in piu, prendo venti metri e li tengo fino all'arrivo.

A breve le impressioni della giornata. Ma che bella è la ski nordik cup??

mattila76
Messaggi: 2455
Iscritto il: 15 gen 2007, 0:24

Messaggioda mattila76 » 9 feb 2014, 20:12

<b></b>PRE-GARA<u></u>
In gentilissima e piacevole compagnia (grazie Ceszij e Sciolina), io e la Giudyce arriviamo verso le 15 a Santa Maria Maggiore. Prepariamo tutto e grazie alla cortesia del personale del centro fondo abbiamo a disposizione:
- pista perfettamente battuta con zona lancio perfetta;
- cabina chiusa per i cronometristi;
- impianto di amplificazione.
SPETTACOLARE.
Io e la Giudyce un po' sciamo e un po' prepariamo dandoci il cambio con Pedro e costantemente sostenuti dal preziosissimo aiuto di Carla e del Discesista Canonista. Grazie mille a entrambi.
Insuperabili anche Albyerto, Ceszij, Catre e molti altri che aiutano a segnare il tracciato, mettere cartelli, fornire torte ... grazie a tutti.

<b></b>GARA<u></u>
Sistemati gli ultimi dettagli e lasciata la Giudyce nella cabina davanti al sistema di cronometraggio, mi avvio buon ultimo sulla griglia di partenza: sparo di inizio (gentilmente fornito dal centro fondo ...mitici). Tutti spingono come folli nei binari, poi si imbocca la prima curva a ranghi stretti e poco dopo la seconda dove si inizia a delineare un bel serpentone. Prima del passaggio sul ponticello sono già nella posizione che manterrò fino alla fine: ultimo dei pattinattori.
Inizio a fare il mio ritmo e vedo che giro dopo giro Stokke davanti a me prende metri di vantaggio: non ne ho proprio di più e se solo provassi a spingere per riprenderlo rischierei di scoppiare.
4 giri senza nulla di particolare ... se non fosse per il paesaggio incantato, la neve fine cadente e 9 campioni che inesorabilmente mi doppiano. Per fortuna nessun doppio doppiaggio (sarebbe stato troppo umiliante).
Durante l'ultimo giro Homer, che sulla salita tentava sempre di riavvicinarsi, mi prende e mi sorpassa. In discesa tengo le sue code senza problemi, i miei sci sono veloci e arrivo al ponticello cercando di risparmiare il più possibile energie. Sto dietro di lui salendo e scendendo dal ponticello, poi sulla curva dopo la discesina do due forti pattinate, prendo velocità, affronto il curvone e il rettilineo finale guadagnando metri.
Al traguardo ho vantaggio su Homer, ma la spaccata di rito non posso risparmiarmela.

<b></b>POST-GARA<u></u>
Doccia veloce, sistemiamo tutto e poi di corsa al ristorante dove un istrionico Pedro conduce la cerimonia con la sua solita euforia. Ma non sarò certo io a raccontarvi dell'assegnazione del premio speciale. Compagnia fantastica con tutti e un grazie speciale a Claudia, Discesista, Matigegia, Zioferny e Carla per la bella chiacchierata a tavola.

Claudia
Messaggi: 136
Iscritto il: 17 dic 2012, 14:44

Messaggioda Claudia » 9 feb 2014, 21:13

Cosa dire della SNC 2014 di Santa Maria Maggiore? Della mia prima SNC, e della mia prima gara di sci di fondo in assoluto… essendo io, come noto ai più, una neofita di questo sport semplicemente fantastico? Eh sì, giusto a gennaio 2013 mi ero presentata vestita di tutto punto da sci alpino alla pista di fondo di Santa Caterina Valfurva… e ieri pomeriggio, alle 17.30, mi sono ritrovata alla partenza della SNC 2014.

Ero arrivata verso l’ora di pranzo con il mio compagno, il Discesista Canonista. Un pranzetto per caricare le batterie (avrei voluto un sano piatto di penne al pomodoro, il carboidrato giusto per affrontare una gara come si prospettava quella del pomeriggio… ma al ristorante non c’erano, e ho dovuto ahimè ripiegare su un piattone di tagliatelle ai funghi porcini…) e poi giretto di ricognizione della pista della gara. O almeno queste erano le mie intenzioni. Notoriamente dotata di un senso dell’orientamento degno di una talpa sotto Roipnol mi perdo, e finisco sul tragitto della nera tutto gobbe. Ma non mi scoraggio, ruzzolo e torno indietro, e grazie ai mitici Zioferny e Matigegia – da ieri la mia coppia mito – capisco dove dovrò dare il meglio di me.
Ah, il tragitto gara prevedeva, proprio all’inizio, un infido ponticello, in pieno stile battistiano “le discese ardite e le risalite”. Le risalite, in tutta sincerità, mi fanno un baffo. Le discese ardite… mi bloccano. Uh, se mi bloccano. E lo ben sa anche Skiatore, che c’ha provato in tutti i modi a farmi fare la discesa del malefico ponticello in oggetto bellina dentro i binari, ma io sono maremmana, testarda e soprattutto cacasotto… e quindi via di leggiadro spazzaneve a velocità warp.

Cominciano ad arrivare tutti i forumisti, ed ecco che comincio a dare un volto a tutti i nickname.
Subito l’impressione di far parte da sempre di questa compagnia dove goliardia e spirito agonistico e di competizione viaggiano in perfetta armonia.

Non penso neanche un momento “ma io che ci sto a fare qui?”… fino al momento dello sparo che dà il via alla tenzone. Maremma sprintosa, partono tutti come schegge, e io già al termine del lancio mi trovo buona ultima, ma sospinta verso il fetido ponticello dalle grida di incitamento degli autoctoni bordo pista.
E faccio la mia gara. Doppiata subito dai più (gli extraterrestri del terzetto del podio mi girano intorno come trottole…), ma non mi interessa. Non ho mai sciato alla luce dei riflettori, è un’atmosfera magica; e poi nevica… sembra di stare a Narnia. Già dopo il primo giro però mi rendo conto che ci vorrebbe il Sig.Tumnus con dei fazzolettini di carta. Sì, lo so, è poco poetico… ma mi cola il naso in continuazione!!!
(ma ora, grazie ai preziosissimi consigli di Pedroterzo, alla prossima gara non avrò più questo problema)
Diobono se è faticoso però… già al secondo giro penso che non ce la farò ad arrivare alla fine, ma non mollo. E faccio le discesine tutte nei binari – il che comporta anche un ruzzolone ad un certo punto. Sciolina – alle prese con degli sci ingrati, purtroppo – si accerta che sia tutta intera, ma io nel frattempo ho già fatto come Ercolino sempre in piedi ed ho riconquistato il mio fido binario.
Tutti i forumisti che mi sorpassano pattinando leggiadri hanno una parola di incoraggiamento per questa toscana lumacona e testarda… ed è una delle cose più belle di tutta la gara. Grazie, ragazzi.

Ad un certo punto sento chiara e squillante la voce della Giudyce “Vincitore!” Rompo il silenzio del bosco ovattato con un poco poetico ma spontaneo “cazzo, di già?!?” (io ero al mio secondo giro…). E vado avanti, imperterrita.
Tengo duro fino al quarto giro, che concludo scortata da Zioferny e Matigegia. Gli altri sono già praticamente in doccia, ma io sono felice come una bimbetta.

E da qui in poi, risate, allegria, le chiacchiere con Sciolina ed Elena negli spogliatoi, l’ottima cena al Capanno, la premiazione con l’istrionico Pedroterzo (oh, i toscani si distinguono sempre, anche se emigrano), la bella chiacchierata a tavola con Mattila, la Giudyce, Matigegia e Zioferny.
Grazie a tutti, ragazzi. Una giornata perfetta.
Sono pronta per la SNC 2015.

albyerto
Messaggi: 630
Iscritto il: 26 gen 2009, 18:54

Messaggioda albyerto » 9 feb 2014, 21:17

Comunque, nonostante Pedro ci abbia illuso del contrario, il premio pretattica era assegnato. Con un pezzo di bravura, con un sofisticato stratagemma atto a guidar il subconscio degli astanti, facendoci credere di poter scegliere il vincente per acclamazione, ha consegnato la coppa nelle mani di zio ferny.
Ah, scelta che stracondivido, tra l'altro.
Se la meritava, eccome!

Marcotto
Messaggi: 481
Iscritto il: 3 feb 2012, 10:30

Messaggioda Marcotto » 9 feb 2014, 21:18

Eccomi,
devo ringraziare tutti,ma davvero tutti, per i due splendidi giorni.
Un super particolare ringraziamento a Migly per la pazienza nell'aspettarmi ed il passaggio in auto, Stokkeloppet...il mio "esperto risponde" sulle scioline...che stava tornando a casa con le mie scarpe...la triade per l'organizzazione.
Ognuno ha contribuito con la sua simpatia, basti pensare a Giak nel completo old style...un grazie davvero a tutti. Bellissima esperienza! <img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle><img src=faccine/1.gif border=0 align=middle>
Spero a presto!

Un simpatico ciaociao da Marcotto

ceszij
Messaggi: 1643
Iscritto il: 17 gen 2009, 19:49

Messaggioda ceszij » 9 feb 2014, 22:44

Che bello!
Come sempre una grande gioia rivedere vecchi amici e conoscere volti nuovi che, quest'anno come non mai, si sono coraggiosamente buttati nella mischia della SNC!
Unico neo l'assenza di alcuni forumendoli con i quali in altre occasioni abbiamo avuto il piacere di condividere emozioni e divertimento...
I simpaticissimi Claudia e Discesista Canonista mi stanno iniziando a passare le foto, nei prossimi giorni metto tutto sul forum e inserisco i miei commenti dettagliati; per ora dico solo che sono stati un pomeriggio ed una serata fantastiche: grazie alla Triade che ogni anno ci permette di godere di una serata di sport e goliardìa davvero indimenticabili!<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/3.gif border=0 align=middle>

Scritto Da - ceszij on 09/02/2014 21:45:30

Avatar utente
zioferny1
Messaggi: 309
Iscritto il: 15 nov 2007, 14:37

Messaggioda zioferny1 » 9 feb 2014, 22:56

Sparo di partenza e giù a spingere come un forsennato.
Sull'ormai famoso "ponticello" mi sento già impiccato, riprendo un po' di fiato dopo la curva a sinistra solo perché c'è un po' di pianura.
Purtroppo dopo poco comincia la salita, in condizioni normali si direbbe una salitella con pendenza leggera e corta (ma ieri sera non erano condizioni normali, c'era una lotta all'ultimo sangue); durante la salita comincio a chiedermi perché sto spingendo in quel modo e dove credo di andare, e la risposta arriva subito con due missili (Migly & Vegeta) che mi sverniciano, ed in un attimo mi ritrovo retrocesso in quinta posizione.
Con un colpo di fortuna riesco a scavalcare Vegeta e transito al primo giro in 4°, ma è solo un fuoco di paglia, Vegeta mi rimangia subito il posto.
Ma di nuovo al quarto transito riesco a passare prima di Vegeta e mi dico “è cotto, è fatta non mi riprende più”, infatti durante l'ultimo giro, nella discesa prima del ponticello mi risorpassa allegramente ed arriviamo così al traguardo lui quarto ed io quinto.

GARA STUPENDA, PERCORSO DIVERTENTE, CONCORRENTI FANTASTICI
ORGANIZZATORI SUPER!!!

(dimenticavo, un ringraziamento particolare ai miei sci, che erano al massimo della forma, più veloci di così non sarei riuscito a pilotarli)

zioferny

Avatar utente
zioferny1
Messaggi: 309
Iscritto il: 15 nov 2007, 14:37

Messaggioda zioferny1 » 9 feb 2014, 23:05

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>albyerto

Comunque, nonostante Pedro ci abbia illuso del contrario, il premio pretattica era assegnato. Con un pezzo di bravura, con un sofisticato stratagemma atto a guidar il subconscio degli astanti, facendoci credere di poter scegliere il vincente per acclamazione, ha consegnato la coppa nelle mani di zio ferny.
Ah, scelta che stracondivido, tra l'altro.
Se la meritava, eccome! <hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Come non darti ragione <img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle><img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

zioferny

ericradis
Messaggi: 588
Iscritto il: 5 mar 2006, 21:50

Messaggioda ericradis » 9 feb 2014, 23:54

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Inizio dalla cronaca della mia gara.

Cinque giri, distanza di 9,5 km. Neve piuttosto veloce, nonostante fosse nevicato il giorno precedente e nevischiato nel corso di tutta la giornata.
Neve meravigliosa per essere 'sciata', facile, 'scricchiolante' ma compattata al punto giusto.

Parto davanti insieme ad olda. Il tacito accordo è di spingere a fondo all'inizio per giocarsi la gara sul finale. Quasi subito andiamo via in tre, io Olda e Migly. Sulla salita del secondo giro Migly perde qualche metro, io non ne ho quasi piu , comunico ad Olda intento a spingere che siamo soli.
Lui si gira e chiede 'chi sei?'.
Capisco che anche lui sta facendo fatica.
Meno male.
Ci si rialza un attimo, sciamo il terzo e quarto giro regolari, controllando che dietro Migly non rientri.
I miei sci eran più veloci rispetto quelli di Olda. Ogni discesa riuscivo a prender 15 20 metri di vantaggio.
Al passaggio sul traguardo, al suono della campanella dell'ultimo giro, ho qualche metro di vantaggio.
Mi dico, 'vado'.
Testa bassa e spingo. Ma non vado lontano. sulla salita mi riprende, sono fuori giri.
Sento i suoi bastoni sulle caviglie, penso solo ad arrivar prima possibile in cima alla salitella, manca lo spazio per passare e scollino davanti.
A quel punto è quasi fatta. Penso solo a spinger più possibile fino al traguardo, sci piu veloci, un pizzico di cattiveria in piu, prendo venti metri e li tengo fino all'arrivo.

A breve le impressioni della giornata. Ma che bella è la ski nordik cup??





<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>
insomma hai replicato il finale della vittoria di Cologna di oggi!

migly
Messaggi: 1622
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Messaggioda migly » 10 feb 2014, 0:10

Bellissima giornata, grazie a tutti. Mi è davvero spiaciuto non fermarmi anche a cena, ma non credo che sarei sopravvissuto fino a stasera (ne approfitto per farmi un po' di pubblicità: qualche foto della mia giornata di oggi la trovate qua: https://www.facebook.com/persportssd <img src=faccine/7.gif border=0 align=middle> )

La mia gara.
Parto con qualche dubbio: visti dal vivo Oldani ed Albyerto sembrano ancora più imbattibili che "di fama", però l'intenzione è quella di provare a render loro vita difficile.
Come mia abitudine non spingo più di tanto nel lancio: in fondo la gara è lunga, c'è tempo... Si forma subito un gruppetto/fila con tutti i miei favoriti. Anzi no, siamo in 7 anziché in sei... chi è quello??? Cosa ci fa qui in mezzo? Zioferny!!! Che si aggiudica oltre al meritatissimo premio pretattica anche il mio personale premio "sorpresa 2015". Un avversario in più da battere.
Dopo poche centinaia di metri i due "marziani" accelerano. L'idea sarebbe quella di rimanere tranquillo in fondo al gruppo, ma... il gruppo si spezza! Cosa faccio, li lascio andare? Non sia mai detto! Freccia a sinistra, corsia di sorpasso e con un certo sforzo (ma nemmeno troppo) sono sulle code dei primi due. Tirano, ma neanche troppo. Forse posso stare con loro. Dietro nessuno regge il passo, il distacco sul quarto cresce, lo spettro della medaglia di legno si allontana.
In salita perdo qualcosa, ma recupero facilmente sul piano, la gara sembra mettersi bene. Incredibilmente, anche gli sci (preparati con la sciolina "da viaggio" e non più ri-paraffinati) non sono poi così lenti. Primo giro sono con loro. Albyerto ha la clacque, non vale! Forza Papà, forza Alberto, ed a me non mi fila nessuno...
A metà del secondo giro "alien" (mio problema congenito che mi accompagna da anni) si presenta puntuale; devo rallentare un po' il ritmo, perdo 50 metri ma li tengo nel mirino.
Terzo giro va un po' meglio, accelero leggermente, li tengo lì. A inizio quarto giro l'intenzione è dare tutto e rientrare, ma come temevo il mio ritmo è quello: posso andare come loro, non di più. Il distacco non cala, maledizione. A quel punto evito di rischiare di esplodere, rinuncio all'aggancio e rallento decisamente. Veleggio tranquillo verso il podio (la mia prima coppa sugli sci!), dietro hanno quasi un minuto di distacco, non mi prendono di certo. Quinto giro ancor più tranquillo, cerco di sciare bene, di non sprecare energie, di non cadere. Sento annunciare il vincitore che devo ancora percorrere quasi mezzo chilometro di pista, mi han dato più di un minuto in due giri...
Va bene, vi ho studiati, ora vi conosco, il prossimo anno vi batto!!!

<img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>

Mat.

www.migly.it

Scritto Da - migly on 09/02/2014 23:14:09

migly
Messaggi: 1622
Iscritto il: 25 dic 2004, 11:53

Messaggioda migly » 10 feb 2014, 0:11

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Inizio dalla cronaca della mia gara.

Cinque giri, distanza di 9,5 km. Neve piuttosto veloce, nonostante fosse nevicato il giorno precedente e nevischiato nel corso di tutta la giornata.
Neve meravigliosa per essere 'sciata', facile, 'scricchiolante' ma compattata al punto giusto.

Parto davanti insieme ad olda. Il tacito accordo è di spingere a fondo all'inizio per giocarsi la gara sul finale. Quasi subito andiamo via in tre, io Olda e Migly. Sulla salita del secondo giro Migly perde qualche metro, io non ne ho quasi piu , comunico ad Olda intento a spingere che siamo soli.
Lui si gira e chiede 'chi sei?'.
Capisco che anche lui sta facendo fatica.
Meno male.
Ci si rialza un attimo, sciamo il terzo e quarto giro regolari, controllando che dietro Migly non rientri.
I miei sci eran più veloci rispetto quelli di Olda. Ogni discesa riuscivo a prender 15 20 metri di vantaggio.
Al passaggio sul traguardo, al suono della campanella dell'ultimo giro, ho qualche metro di vantaggio.
Mi dico, 'vado'.
Testa bassa e spingo. Ma non vado lontano. sulla salita mi riprende, sono fuori giri.
Sento i suoi bastoni sulle caviglie, penso solo ad arrivar prima possibile in cima alla salitella, manca lo spazio per passare e scollino davanti.
A quel punto è quasi fatta. Penso solo a spinger più possibile fino al traguardo, sci piu veloci, un pizzico di cattiveria in piu, prendo venti metri e li tengo fino all'arrivo.

A breve le impressioni della giornata. Ma che bella è la ski nordik cup??





<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>
insomma hai replicato il finale della vittoria di Cologna di oggi!


<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Casomai, è Cologna che ha replicato la (ben più prestigiosa) vittoria di Alby ieri. Vuoi mettere?

Mat.

www.migly.it

oldani75
Messaggi: 593
Iscritto il: 14 nov 2007, 11:35

Messaggioda oldani75 » 10 feb 2014, 10:17

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Inizio dalla cronaca della mia gara.

Cinque giri, distanza di 9,5 km. Neve piuttosto veloce, nonostante fosse nevicato il giorno precedente e nevischiato nel corso di tutta la giornata.
Neve meravigliosa per essere 'sciata', facile, 'scricchiolante' ma compattata al punto giusto.

Parto davanti insieme ad olda. Il tacito accordo è di spingere a fondo all'inizio per giocarsi la gara sul finale. Quasi subito andiamo via in tre, io Olda e Migly. Sulla salita del secondo giro Migly perde qualche metro, io non ne ho quasi piu , comunico ad Olda intento a spingere che siamo soli.
Lui si gira e chiede 'chi sei?'.
Capisco che anche lui sta facendo fatica.
Meno male.
Ci si rialza un attimo, sciamo il terzo e quarto giro regolari, controllando che dietro Migly non rientri.
I miei sci eran più veloci rispetto quelli di Olda. Ogni discesa riuscivo a prender 15 20 metri di vantaggio.
Al passaggio sul traguardo, al suono della campanella dell'ultimo giro, ho qualche metro di vantaggio.
Mi dico, 'vado'.
Testa bassa e spingo. Ma non vado lontano. sulla salita mi riprende, sono fuori giri.
Sento i suoi bastoni sulle caviglie, penso solo ad arrivar prima possibile in cima alla salitella, manca lo spazio per passare e scollino davanti.
A quel punto è quasi fatta. Penso solo a spinger più possibile fino al traguardo, sci piu veloci, un pizzico di cattiveria in piu, prendo venti metri e li tengo fino all'arrivo.

A breve le impressioni della giornata. Ma che bella è la ski nordik cup??
<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>
Nulla da aggiungere alla perfetta cronaca della gara da parte Di Albyerto. Lui più veloce nel tratto decisivo, ma non sono solo sci, è tecnica, conoscenza della pista e giusta cattiveria agonistica. Forse è la differenza tra i tanti "marcialonghisti" e chi scia in pausa pranzo ;-)
L'altra differenza è che io a fine gara ne avevo ancora, mentre lui non stava più in piedi, cadendo nel giro "turistico" di rilassamento e non riuscendo a stare in piedi per raggiungere la tavola !!! <img src=faccine/2.gif border=0 align=middle>
Bravo lui, bene io e grazie agli organizzatori.
Grazie a Rikibomber per la condivisione del viaggio parlando di sci e calcio. Io aspetto notizie da Valmadrera ...

Olda75

Giak
Messaggi: 1501
Iscritto il: 18 mag 2005, 11:21

Messaggioda Giak » 10 feb 2014, 10:34

Vista la mia scarsa preparazione di quest'anno non potevo che buttarla sul ridere travestendomi da "SNC Story" e riesumando, grazie all'aiuto del dott. Alberto, i miei vecchi Morotto dopo 15 anni d'inattività.
Nonostante gli sforzi i miei sci non tenevano niente in salita, ma forse sono io che non sono più buono ...
Ci ho messo quasi due giri a capire il cambiamento di sciata dallo skating al classico e devo essere sincero nel dire che qualche passo "vietato" ogni tanto mi scappava ...
Comunque mi sono divertito tantissimo e ieri, domenica, ho scoperto d'avere dei muscoli, indolenziti, che non ricordavo d'avere.
Comunque a tavola mi sono rifatto col bis di gnocchi e della fantastica crostata.

Grazie a tutti !
Giak

hurtigruten
Messaggi: 448
Iscritto il: 12 dic 2006, 16:22

Messaggioda hurtigruten » 10 feb 2014, 10:46

Arriviamo con Max71 (che ringrazio ancora per il passaggio) e Giorgio, dopo qualche contrattempo, alle 16,45, ma grazie ai valtellinesi, annunciati in ritardo, ho il tempo per una ricognizione in pista con l'amico-nemico Rikibomber e per scoprire che Zioferny, oltre ad essere bravo nella pretattica, scia anche con un ottimo stile e devo quindi rivedere il mio obiettivo al ribasso, che passa dal 7° all'8° posto, salvo sorprese (che ci saranno).
La pista è carina, la migliore delle edizioni delle SNC e l'ambientazione, nel bosco con la neve cadente, veramente suggestiva.
Al via commetto una grossa ingenuità che mi costerà l'11° posto parziale e la necessità di dovermi subito impegnare a fondo: dimenticando di non essere alla partenza di una corsa podistica, aspetto lo sparo per fare partire il cronometro e, quando comincio a spingere gli altri sono già in velocità !
Sulla salita lunga passo Catre e Pedroterzo e davanti c'è Senzabenza che ha già leggermente allungato, ma confidando nel suo nick, penso che prima o poi rallenterà; invece dopo due giri mi rendo conto che, non solo viaggia con il pieno di carburante, ma probabilmente è anche alimentato con V-Power !!!
A questo punto, con Senzabenza che allunga davanti e, soprattutto, gli avversari annunciati alla vigilia decisamente dietro, l'unico obiettivo diventa evitare il doppiaggio e quindi mi godo la sciata, senza però rilassarmi troppo.
A seguire, ottima cena, con una menzione particolare agli gnocchi, in compagnia piacevolissima di un gruppo di amici ormai collaudato. Peccato solo per gli assenti !
Se la SNC 2013 aveva mostrato qualche pecca nel Day after (a cui non avevo partecipato), soprattutto a causa di un meteo pessimo, quest'anno, non solo abbiamo avuto una giornata stupenda meteorologiamente parlando, ma è stata molto piacevole, oltre che utile, la lezione collettiva con il nostro grande Skiatore. Approfitto poi per un giro completo della bella pista che, vista la quota bassa, penso sarà difficile trovare spesso in condizioni ottimali, come è capitato a noi.
Secondo me S.Maria Maggiore ha superato la prova SNC a pieni voti ! Sarebbe bello continuare a mantenere itinerante la sede di questo grande raduno-competizione, però, anche se un po' fuori mano per qualcuno, sappiamo che potremo sicuramente contarci per il futuro, neve permettendo.
Grazie infinite e complimenti all'organizzazione, diventata ormai impeccabile e arrivederci all'anno prossimo !

Avatar utente
rikibomber
Messaggi: 539
Iscritto il: 7 gen 2008, 17:53

Messaggioda rikibomber » 10 feb 2014, 10:52

Gli ultimi allenamenti non mi hanno dato buone sensazioni e durante il tragitto verso il campo di gara non sono di grande compagnia per il mio compagno di viaggio.

Troppi dubbi mi attanagliano e mi rendono particolarmente ansioso.

Arrivato sul posto vedo facce stralunate che mi fissano biascicando dei suoni gutturali che dovrebbero essere dei saluti.
Andiamo bene !

Controllo le condizioni del manto e ho la conferma che non sarà facile.

Negli spogliatoi, mentre tutti si cambiano, cerco di dire due parole su quello che ci aspetta, ma nessuno sembra ascoltarmi,
preferendo pensare ai fatti propri e ridere e scherzare.
Ma chi me lo ha fatto fare.

Durante il riscaldamento gli avversari, dal fisico non propriamente scultoreo, mi sembrano però agguerritissimi e vogliosi di prendersi una rivincita rispetto alla volta precedente.
Oggi sarà dura.

Gli spettatori non sono moltissimi ma si fanno sentire.

Siamo tutti schierati e pronti a dar battaglia.

Per un solo secondo, che a me pare interminabile, c'è il silenzio assoluto.

Poi, finalmente, l'arbitro fischia.


"Chi si ferma è perduto"

Avatar utente
rikibomber
Messaggi: 539
Iscritto il: 7 gen 2008, 17:53

Messaggioda rikibomber » 10 feb 2014, 10:54

Vinto 3-1.

Ha sì, per quanto riguarda lo sci da fondo ho perso da Hurti e ho battuto Mategegia.

Sentimenti contrastanti.


"Chi si ferma è perduto"

albyerto
Messaggi: 630
Iscritto il: 26 gen 2009, 18:54

Messaggioda albyerto » 10 feb 2014, 11:01

<BLOCKQUOTE id=quote><font size=1 face="Verdana, Arial, Helvetica" id=quote>quote:<hr height=1 noshade id=quote>
Vista la mia scarsa preparazione di quest'anno non potevo che buttarla sul ridere travestendomi da "SNC Story" e riesumando, grazie all'aiuto del dott. Alberto, i miei vecchi Morotto dopo 15 anni d'inattività.
Nonostante gli sforzi i miei sci non tenevano niente in salita, ma forse sono io che non sono più buono ...
Ci ho messo quasi due giri a capire il cambiamento di sciata dallo skating al classico e devo essere sincero nel dire che qualche passo "vietato" ogni tanto mi scappava ...
Comunque mi sono divertito tantissimo e ieri, domenica, ho scoperto d'avere dei muscoli, indolenziti, che non ricordavo d'avere.
Comunque a tavola mi sono rifatto col bis di gnocchi e della fantastica crostata.

Grazie a tutti !
Giak



<hr height=1 noshade id=quote></BLOCKQUOTE id=quote></font id=quote><font face="Verdana, Arial, Helvetica" size=2 id=quote>

Ti ho visto proprio penare sulle tracciato!
Non so se fossi stato suggestionato dal tuo abbigliamento ma ogni volta ti scorgevo pareva di sentire delle richieste, tipo:
'Dov'è la mia cagnetta Titina?'
'marconista, ha per caso visto la tenda rossa?'


http://www.youtube.com/watch?feature=pl ... JKA#t=1970

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 10 feb 2014, 11:11

1 - QUALCHE GIORNO PRIMA DELLA GARA .....

Ma perchè non si iscrive nessuno di tutti quelli che ho battuto negli anni scorsi?
Dove sono Rad1, Beppe, Temerario, Bred?
C'è rimasto solo Mattila, che per giunta a Zambla, sotto la pioggia, spingeva come un matto...
Non era più il Mattila a cui avevo insegnato il passo lungo qualche anno fa, sul campo da Golf di Zernez sotto una bufera di neve.
Lui e la Giudyce: le mie prime conoscenze del forum...

Poi ci si mette Genky a scrivere che quest'anno dovrò guardami da Mattila. Lo spettro dell'ultimo posto assume contorni reali...

Ci vuole una strategia: non devo pensare a non farmi battere da Mattila. Devo cercare qualcuno battibile fra quelli che a Cunardo mi sono arrivati davanti.
Rileggo la classifica... Senzabenza no... Ricky nemmeno ... finchè l'occhio mi cade su un nome che mi ossessionerà da quel momento fino all'arrivo della gara:
CATRE!!!!!

CATRE l'avevo battuto a Schilpario, ma poi lui si è preso una bella rivincita a Cunardo. Siamo 1 a 1.
Circa un minuto, fra me e lui, l'ultima volta... ce la posso fare...

Poi leggo sul forum un post del nostro inviato all'Avana: Ceszij. Parla di un "confronto fra me e Mattila: 2 a 0".
Ma non ha visto l'1 a 1 con CATRE?!?
Certo... la competizione diretta fra i Maestri di Campo fa più notizia... Questi giornalisti di oggi, pensano solo al gossip!

La settimana prima della gara ho fatto una corsetta tutte le mattine. Servirà a nulla, ma male non può fare.
E mentre correvo, i miei passi erano ritmati da un solo martellante pensiero:
CATRE... CATRE... CATRE...

Scritto Da - pedroterzo on 10/02/2014 10:33:22

pedroterzo
Messaggi: 3516
Iscritto il: 14 nov 2007, 15:27

Messaggioda pedroterzo » 10 feb 2014, 11:34

2 - A SANTA MARIA MAGGIORE .....

L'avevo detto che sarebbe stata una grande SNC.
Ma l'avevo detto così per dire, per darmi coraggio, fra il timore che lo spostamento della località non funzionasse e che il meteo facesse davvero troppe bizze.

E invece ho avuto ragione!
Le rinunce sono state poche, e in più Ceszij è stato bravissimo a controbilanciarle, con una lettera "mirata" che ha portato una manciata di adesioni dell'ultima ora.

Poi... Albyerto che gira a mettere le bandierine, Skiatore che da lezioni ai forumisti, Carla che nel casottino si organizza per dare una mano alla Giudyce, qualcun altro che accompagna i neofiti a fare il giro di pista, Mattila che mi da il cambio a raccoglier le quote (nonostante avesse il suo daffare con PC), CATRE che arriva con la torta, il Discesista/Canonista che fa le foto..
Insomma ho sentito che c'era come una partecipazione superiore anche all'anno scorso.

E ho capito che mi potevo rilassare, fare un bel giro di prova, riscaldarmi un po' e concentrarmi sulla gara.
Cioè concentrarmi su.... CATRE!!!!!!

CATRE l'ho anche incontrato negli spogliatoi. E' arrivato mentre mi cambiavo.
Simpatico e gentile (perchè lui E' simpatico e gentile, ma in gara come tutti sanno, non conta più...) mi saluta e pensa che non l'abbia riconosciuto.
Ma non è così: il mio non era uno sguardo stupito. Erano occhi iniettati di sangue.....


<b>Pedroterzo</b>
<i>"Pedro Terzo Garcia aveva vissuto schivando i tranelli della vita abitudinaria, libero e povero come un trovatore errante (..)
permettendosi il lusso della tenerezza, del candore, dello sperpero e della siesta.." (Is. Allende)</i>

Scritto Da - pedroterzo on 10/02/2014 11:43:01

Scritto Da - pedroterzo on 10/02/2014 12:32:58

catre
Messaggi: 259
Iscritto il: 5 feb 2010, 13:36

Messaggioda catre » 10 feb 2014, 12:11

Com'è giusto che sia, i primi hanno preso i titoli di prima pagina ma sappiate che c'è stata un' epica sfida nella sfida anche nelle retrovie.

Parto forte, troppo forte. Mi ritrovo solo dietro Alieni & co e il resto dietro all'assalto. La solitudine dura pochissimo, piano piano arrivano tutti. Uno dei primi è il leone dell'Aretino che mi passa e imposta il suo ritmo già dalle prime salite.

L'obiettivo è stargli dietro e preparare un assalto finale. So di non averne. Lo batto allo sprint ho pensato.

Provo a mettermi dietro e rientrare dal fuori giri dovuto alla partenza folle che ho fatto, ma il cuore non scende. Intanto arrivano gli altri. All'inizio passa un Senzabenza scatenato. L'anno scorso avevamo fatto quasi lo stesso tempo. Quest'anno mi ha asfaltato con oltre sei minuti ed è entrato nella top 10, mio obiettivo iniziale per quest'anno. Arrivano poi Hurti, Rickibomber e al secondo giro Ceszij e Matigegia.

Proseguo con fatica nella speranza che il cuore mi mandi un segnale che non arriva: "mi spiace caro mi hai lasciato a riposo per mesi e mesi e ora speri che mi risvegli" solo per la tua sfida con il Mago dei Gechi.

Appunto, il Mago dei Gechi. Fino al terzo giro è ancora a una distanza che mi fa sperare ancora ma è tosto e non molla. Anzi, allunga. Non lo vedo più.

Non avendo più un obiettivo mi rilasso e cerco di tirare fino al traguardo. Sembra tutto tranquillo quando sento qualcuno sulle code. E' Stokke che mi aggancia e non mi molla.

Inizio a lottare per difendere la posizione. Cerco di capire come sto e il cuore, finalmente, mi dice: "vabbè spingi un po' se vuoi". Tengo Stokke dietro e allungo fino al traguardo per non rischiare uno sprint dagli esiti incerti.

La sera al b&b cerco di analizzare la sconfitta.

L'anno scorso avevo corso fin quasi a dicembre e venivo da un'annata fatta di corse in montagna allenanti e qualche trail. Il cuore compensava le poche sciate e la tecnica mai curata. Quest'anno quasi nulla. E si è visto.

Lui, il Mago dei Gechi, ha dalla sua la tecnica e molti anni di esperienza che ha fatto valere.

Comunque, caro Pedro.

Le due ore di lezione con skiatore (prime lezioni di skating prese da quando scio) mi hanno fatto capire che ho talmente tante cose da migliorare nella tecnica che i margini di miglioramento sono enormi.

Arrivederci alla SNC 2015.



Scritto Da - catre on 10/02/2014 14:36:54


Torna a “SNC 2014”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti