Il fortissimo alpinista italiano, Presidente del mitico gruppo dei Ragni di Lecco, è entrato a far parte della famiglia degli AMBASSADOR di Karpos. Matteo è diventato in questi anni un riferimento a livello internazionale per il suo alpinismo tecnico, amante della verticalità, della roccia vera, delle pareti che tolgono il fiato. Un legame perfetto con Karpos che è nata dalle Dolomitiche verticalità di Manrico Dell’Agnola, dall’aspro calcare della Marmolada di Maurizio Giordani, alle bianche e severe pareti Himalayane di Marco Confortola.

MATTEO DELLA BORDELLA è l’ambassador ideale per Karpos, sottolinea Gioia Cremonese Brand Manager di Karpos, in quanto incarna a pieno i valori che abbiamo in azienda nel concepire il nostro approccio alla Montagna. La leggerezza e affidabilità dei nostri capi che consente di muoversi velocemente ed avere sempre dei margini in favore della sicurezza. Matteo è un alpinista completo in cui l’avventura è una componente essenziale in tutto quello che fa, come per noi in Karpos”.
Il sodalizio prevede un forte coinvolgimento di Matteo anche nel testare e sviluppare nuovi concetti di capi che il Reparto R&D di Karpos sta realizzando molto legati a quella che è e sarà la sua attività alpinistica dei prossimi anni.
“Sono contento ed orgoglioso di poter collaborare con KARPOS”, conferma Matteo, “Perché penso che sposi in pieno la mia filosofia nell’andare in montagna e sia in grado di fornirmi i prodotti più affidabili, leggeri ed adatti alle mie esigenze. Inoltre, entrare in contatto con questa grande famiglia e lavorare a fianco di leggende dell’alpinismo come Manrico Dall’Agnola e Maurizio Giordani, mi fa credere che ci siano tutte le premesse per fare molta strada insieme”.

CHI E’ MATTEO DELLA BORDELLA
Ho 34 anni e sono nato a Varese. La mia passione per l’alpinismo e la montagna è nata a 12 anni, quando ho iniziato a muovere i primi passi in verticale in compagnia di mio papà, sulle pareti vicino a casa e sulle vie classiche di difficoltà moderata nelle Alpi. Nel 2008 mi sono laureato in Ingegneria Gestionale all’università LIUC di Castellanza, tuttavia pochi anni dopo, ho deciso di provare a dedicarmi completamente alla mia più grande passione, cioè l’alpinismo.
Dal punto di vista alpinistico mi posso definire Lecchese d’adozione, visto che sono entrato a far parte del prestigioso gruppo dei Ragni di Lecco già dal 2006.

Grazie ai Ragni ho avuto l’occasione di crescere come alpinista e come persona ed iniziare a girare il mondo alla ricerca di nuove sfide su pareti vergini da scalare. Negli anni ho avuto la possibilità di scalare in territori remoti e su pareti fantastiche, come quelle della Patagonia – terra a cui sono particolarmente legato – della Groenlandia, del Pakistan, dell’India o dell’Isola di Baffin.
Mi piace praticare un tipo di alpinismo che definisco “by fair means”, dove limitando al massimo l’utilizzo della tecnologia e degli aiuti esterni, lo scalatore è chiamato ad una sfida ad armi pari con la montagna. Per questo motivo nella mia carriera di alpinista ci sono stati parecchi successi, ma anche tanti fallimenti i quali mi hanno messo di fronte ai miei limiti di uomo nei confronti della natura, e spesso queste rinunce mi hanno insegnato ancora di più rispetto alle volte in cui sono arrivato in cima.

Amo le grandi pareti verticali di roccia, quelle dove la sfida è riuscire a salire, possibilmente in arrampicata libera, con poco materiale e su difficoltà elevate, che mi mettono a dura prova. Tuttavia, oltre all’aspetto più tecnico della verticale, posso definirmi un amante dell’avventura a 360 gradi e per questo motivo, mi piace cercare nelle mie spedizioni di unire diverse discipline e diversi tipi di sfide; oltre alla parte alpinistica, in molti dei miei viaggi, una grande sfida è stata già quella di raggiungere la parete e ritornare indietro.

CHI E’ KARPOS
All’inizio si parlò di lucertole, di formiche e bruchi, tutti animali capaci di vincere la gravità senza ali. Ma poi arrivammo a pensare che il concetto dovesse essere quello di sintetizzare un elemento che potesse indicare in maniera simbolica l’uomo arrampicatore, ma anche la natura che in questo caso doveva inglobare e circondare l’intelletto, e non solo, di quell’uomo. Ed ecco nascere un settore di quella mano sovrumana, una fusione tra le falangi di un uomo e quelle di un geco, rettile preistorico e magico capace di camminare sui muri. E poi il colore… il verde la tinta della natura, perché non siamo noi che conquistiamo le montagne ma sono loro che conquistano noi, siamo noi, alpinisti visionari, che immaginiamo che per amore gli appigli si possano materializzare sotto le nostre dita. Siamo noi, pazzi idealisti che pensiamo che con la passione si possano realizzare i sogni. Noi a questo ci abbiamo creduto e continuiamo a crederci.

Fonte:  Marco Capretta  |  Brand Communication Manager Karpos & Sportful Cross Country Ski

Sportful.com –  FB_Sportful –  FB KarposXC Instagramkarpos-outdoor.com

Manifattura Valcismon S.p.A. | Via Marconi 81/83, 32030 | Fonzaso (BL), Italy

T +39 0439 5711  –  F +39 0439 56436

 

 

MATTEO DELLA BORDELLA JOINS THE KARPOS FAMILY
The expert Italian mountaineer and president of the legendary Ragni di Lecco group has joined the family of Karpos ambassadors. In recent years, Matteo – a lover of verticality, of real rock, of breathtaking walls – has received international recognition for his technical mountaineering. He is a perfect fit for Karpos, which grew out of the verticality of the Dolomites of Manrico Dell’Agnola, the rough limestone of Maurizio Giordani’s Marmolada, and Marco Confortola’s harsh white Himalayan walls.

“MATTEO DELLA BORDELLA is an ideal ambassador for Karpos,” said Gioia Cremonese, Karpos brand manager, “as he fully embodies our values in terms of how we view our approach to the mountains. This is reflected in the lightness and reliability of our garments, which allow climbers to move quickly and always have a margin of safety. Matteo is a complete mountaineer for whom adventure is an essential component in everything he does, as it is for us at Karpos.”
The partnership will also see Matteo deeply involved in testing and developing new ideas and designs for garments that the Karpos R&D department is creating, which are closely linked with his current and future mountaineering activities.
“I am pleased and proud to be able to collaborate with Karpos,” Matteo said, “because I think the brand aligns perfectly with my mountaineering philosophy and will be able to provide me with products that are the most reliable, lightest weight and most suited to my needs. In addition, connecting with this great family and working side by side with mountaineering legends like Manrico Dall’Agnola and Maurizio Giordani makes me believe that all the conditions are in place for a successful relationship.”

WHO IS MATTEO DELLA BORDELLA?
I’m 34 years old and I was born in Varese. My passion for mountaineering and the mountains began when I was 12, when I first started climbing with my father on the walls near our home and on the moderately difficult classic routes in the Alps. In 2008 I graduated from Carlo Cattaneo University in Castellanza with a degree in industrial engineering, but just a few years later I decided to try to dedicate myself completely to my greatest passion, mountaineering.
From a mountaineering point of view, I can consider myself a citizen of Lecco by adoption, since I joined the prestigious Ragni di Lecco group back in 2006.
The Ragni enabled me to grow as a mountaineer and as a person and to begin to travel the world in search of new challenges on virgin walls to climb. Over the years I’ve had the opportunity to climb in remote areas on fantastic walls, like those in Patagonia – an area I’m particularly fond of – as well as Greenland, Pakistan, India and Baffin Island.
I like to practice a type of mountaineering that I call “by fair means,” in which the climber, by minimizing the use of technology and external assistance, meets the mountain on equal terms. For this reason, in my career as a mountaineer I’ve experienced many successes but also many failures, which have forced me to confront my limits as a man in the presence of nature, and these aborted attempts have often taught me more than the times I’ve reached the summit.
I love the great vertical rock walls where the challenge is to reach the top – if possible, free climbing – with little equipment, via difficult routes that put me to the test. Still, beyond the more technical aspect of the climb, I consider myself a lover of adventure of all kinds, which is why I like to try to combine different disciplines and different types of challenges in my expeditions. Beyond the mountaineering aspect, on many of my trips just reaching the wall and returning afterward has been a major challenge.

WHO IS KARPOS
At first we talked about lizards, ants and caterpillars – all animals that are able to overcome gravity without wings. But then we came to think that the concept should be represented by an element that could symbolize a man climbing, but also nature, which in this case should encompass and surround the man’s mind – and more. And thus was born that superhuman hand, a fusion between the digits of a man and those of a gecko, a prehistoric and magical reptile capable of walking on walls. And then the color … green, the color of nature, because it is not we who conquer the mountains but the mountains that conquer us. We are the visionary mountaineers who imagine that love can cause holds to materialize under our fingers. We are the crazy idealists who think that with passion we can realize our dreams. We believed this, and we continue to believe it.

 

Fonte:  Marco Capretta  |  Brand Communication Manager Karpos & Sportful Cross Country Ski

Sportful.com –  FB_Sportful –  FB KarposXC Instagramkarpos-outdoor.com

Manifattura Valcismon S.p.A. | Via Marconi 81/83, 32030 | Fonzaso (BL), Italy

T +39 0439 5711  –  F +39 0439 56436

I commenti sono chiusi.

Ski Nordik Forum
L'esperto risponde

Continua anche per la stagione 2018/19 la collaborazione con Angelo Carrara responsabile test ricerca e sviluppo di Briko Maplus che sarà disponibile da mercoledì 2 gennaio 2019 a mercoledì 7 febbraio 2019 per rispondere, su Ski Nordik forum, ai vari quesiti di sciolinatura e preparazione dei materiali.

Le ultime dal Forum

ULTIMI MESSAGGI

Re: Piste sci di fondo zona Merano - davide1967
Re: Piste sci di fondo zona Merano - pst900
Re: Lama Mocogno Mo - davide1967
Re: birkebeinerrennet 2019 - mapresot
Vendo sci e scarpe skating - mattiato1
Re: consevazione scarpe fondo - carletto75
Re: Passo Lavaz - carletto75
Re: birkebeinerrennet 2019 - migly
Re: birkebeinerrennet 2019 - ghizlo
Re: Vasaloppet 2020 - va_2008


51350 messaggi in 3964 discussioni
1632 iscritti - Ultimo iscritto: mattiato1