Se tutti gli atleti che non sono al massimo della condizione fossero capaci di arrivare sul podio, avremmo un numero indefinito di fuoriclasse. Purtroppo o per fortuna, a seconda dei punti di vista, non è così e di sicuro l’Italia del fondo, e in generale dello sport, si gode il suo di campione. Si chiama Federico Pellegrino e a Lahti ha conquistato il podio numero 24 della propria carriera. Sulla pista dove due anni fa ha vinto il titolo mondiale, il valdostano si arrende soltanto all’insaziabile Johannes Klaebo nella sprint in tecnica libera, leader della classifica generale e di specialità che stavolta ha dovuto soffrire più del previsto per portare a casa il successo.

Pellegrino, quarto nelle qualificazioni, ha corso insieme al norvegese tutta la fase finale: ai quarti gli è finito alle spalle centrando la qualificazione diretta, in semifinale è arrivato quarto finendo anche dietro Eirik Brandsdal e Gleb Retivykh, ma il tempo (2’50″21) gli ha consentito di andare avanti grazie al ripescaggio. E in finale è stata tutta un’altra storia. Alla viglia Pellegrino l’aveva detto che, dopo i carichi di lavoro accumulati in allenamento in vista della tappa di Cogne, ma soprattutto dei Mondiali di Seefeld a fine mese, doveva correre con intelligenza a Lahti. Ed è quello che ha fatto. Poi, certo, ci vuole anche talento, perché senza quello non riesci a stare nella scia di Klaebo per 1,6 chilometri e resistere senza alcun problema al ritorno di Finn Haagen Krogh alle tue spalle.

Federico è secondo per la terza volta nella stagione (podio numero 4 aggiungendo il trionfo di Lillehammer) e può essere decisamente soddisfatto per la risposta che ha fornito in pista. La capacità di dare filo da torcere anche a Klaebo, oltretutto, fa ben sperare in vista dei Mondiali. Stavolta, purtroppo, non ce l’ha fatta a superare le qualificazioni De Fabiani, 38° nella prova cronometrata, anche alle spalle di Stefan Zelger, 34° e in ogni caso anche lui fuori dalla fase finale.

Domenica 10 febbraio a Lahti c’è il team sprint per provare a conquistare un altro podio. In Coppa del mondo, intanto, Klaebo allunga in classifica generale portandosi a quota 1134 punti contro i 946 di Alexander Bolshunov, oggi assente. Nella graduatoria della sprint Pellegrino torna al secondo posto, a -160 da Klaebo.

Ordine d’arrivo sprint TL maschile Cdm Lahti (Fin)
1 KLAEBO Johannes Hoesflot 1996 NOR
2 PELLEGRINO Federico 1990 ITA 
3 KROGH Finn Haagen 1990 NOR
4 BRANDSDAL Eirik 1986 NOR
5 IVERSEN Emil 1991 NOR
6 RETIVYKH Gleb 1991 RUS
7 YOUNG Andrew 1992 GBR
8 PETERSON Teodor 1988 SWE
9 VALNES Erik 1996 NOR
10 JOUVE Richard 1994 FRA

34 ZELGER Stefan 1995 ITA 
38 DE FABIANI Francesco 1993 ITA

Fonte:   FISI

I commenti sono chiusi.

Ski Nordik Forum
L'esperto risponde

Continua anche per la stagione 2018/19 la collaborazione con Angelo Carrara responsabile test ricerca e sviluppo di Briko Maplus che sarà disponibile da mercoledì 2 gennaio 2019 a mercoledì 7 febbraio 2019 per rispondere, su Ski Nordik forum, ai vari quesiti di sciolinatura e preparazione dei materiali.

Le ultime dal Forum

ULTIMI MESSAGGI

Re: Saint Barthelemy (AO) - ceszij
Re: Val Casies 2019 - ceszij
Re: saluti - ceszij
Re: saluti - luca72comasina
saluti - eli
Re: Val Casies 2019 - vito2
Re: FONDISTI TURISTICI BERGAMO - alberto.cigala
Re: Val Casies 2019 - mapresot
Re: Val Casies 2019 - migly
Re: Quale colla per rincollare scarpe Salomon? - cactaceo


51160 messaggi in 3947 discussioni
1630 iscritti - Ultimo iscritto: eli


Inox Machinery