Rush finale per il norvegese che batte Shempp e Streltsov
La svedese nel finale sorprende la russa Pavlova che aveva il successo in tasca
Domani giornata di pausa, si riprende sabato e domenica con sprint e pursuit
Gran lavoro per la ASV Martello in una stagione intensa

Prima delle tre giornate di IBU Cup di biathlon, oggi in Val Martello, con la Norvegia a mettere il primo sigillo d’oro grazie a Vebjoern Soerum che ha chiuso in solitaria la Supersprint. Chapeau anche alla svedese Ingela Andersson che, grazie ad un finale fulminante, ha bruciato le velleità della russa Pavlova.
È stata una giornata da incorniciare per gli organizzatori della ASV Martello, che hanno riassettato lo stadio dopo il recupero di IBU Cup dello scorso weekend. Gara Supersprint con le qualifiche a scremare i migliori 30 tra i maschi e le femmine. Prima sorpresa l’esclusione di tutti gli azzurri, con Didier Bionaz out dalla finale per un soffio (31°) e gli altri oltre i primi 40: Chenal (43°), Zini (48°), Braunhofer (54°) e Giacomel (73°).
Il migliore in qualifica, e unico sempre a centro al poligono, il francese Emilien Claude, con l’atteso tedesco Schempp e Guigonnat alle sue spalle, atleti che ancora sperano in una convocazione ad Anterselva.
Partito col pettorale n. 9 Soerum ha faticato a farsi largo nel gruppone, tanto che il primo giro è transitato attardato rispetto all’ucraino Tyshchenko, velocissimo allo start.
Il norvegese al poligono è stato impeccabile, sempre a bersaglio senza errori sia nel tiro prono che in piedi. È uno specialista delle sprint, due ori mondiali junior la scorsa stagione, nuovo oro pochi giorni fa. È stato nel finale che ha trovato il guizzo vincente sul tedesco Schempp, atleta dal curriculum interessante e di grande esperienza. Il tedesco ha lasciato sul campo 8”2 e nel finale ha dovuto difendersi dal russo Kirill Streltsov, finito poco distante a 8”6.
La russa Pavlova era partita ben determinata e si è messa a condurre, con la svizzera Baserga alle calcagna, mentre la svedese Andersson faticava ad agganciare la coppia di testa. La gara si è decisa nell’ultimo giro. Al tiro in piedi conclusivo sia la Andersson che la Pavlova erano in errore, mentre la Baserga era a zero penalità, ma proprio sull’ultima salita la Andersson lanciava l’attacco – probabilmente inatteso dalla russa e dalla svizzera, culminato con una vittoria cristallina con ben 8”1 sulla Pavlova e 13”9 sulla Baserga.

Dalle qualifiche hanno avuto accesso due azzurre, una convincente, almeno nella prima fase, Alexia Runggaldier addirittura col 10° tempo, e Nicole Gontier col 22°. In gara le cose sono andate diversamente. Il primo giro è filato liscio, addirittura l’altoatesina si è accodata alle prime, nel secondo giro al tiro prono ha pagato due errori, determinanti per la performance finale. È finita 19.a ma a fine gara era serena: “Non è andata come volevo, il mio tiro non è quello di sempre, in qualifica è andata meglio, ero contenta, il primo tiro è stato perfetto, poi ho sbagliato, ho fatto un 3 e ho dovuto fare due giri di penalità e da lì non ho più potuto recuperare. Era difficile tornare sotto, vedrò di fare meglio sabato e domenica”.

La Gontier poco precisa al tiro è finita invece 25.a. Fuori dopo le qualifiche Samuela Comola (34.a), Irene Lardschneider (38.a) e Beatrice Trabucchi (44.a).
Ora una giornata di pausa, sabato in Val Martello si riprende con la sprint di 10 km per i maschi e 7,5 km per le donne, poi domenica l’epilogo con la pursuit, e nel primo pomeriggio giù il sipario per una stagione internazionale davvero intensa, due appuntamenti di IBU Cup e uno di IBU Junior Cup.

Info:  www.biathlon-martell.com  e  www.biathlonworld.com

Supersprint – Men
1 Soerum Vebjoern NOR 14:15.1; 2 Schempp Simon GER +8.2; 3 Streltsov Kirill RUS +8.6; 4 Birkeland Lars Helge NOR +10.5; 5 Fratzscher Lucas GER +10.7; 6 Cisar Alex SLO +15.7; 7 Tyshchenko Artem UKR +17.2; 8 Lesiuk Taras UKR +22.2; 9 Gjesbakk Fredrik NOR +24.2; 10 Tomshin Vasilii RUS +27.2

Supersprint – Women
1 Andersson Ingela SWE 16:05.1; 2 Pavlova Evgeniya RUS +8.1; 3 Baserga Amy SUI +13.9; 4 Slivko Victoria RUS +20.1; 5 Scherer Stefanie GER +21.5; 6 Schneider Sophia GER +24.1; 7 Nikulina Anna RUS +32.0; 8 Kaisheva Uliana RUS +35.9; 9 Zdouc Dunja AUT +44.1; 10 Grue Eline NOR +46.2

Fonte:  Ufficio Stampa Newspower

I commenti sono chiusi.

Ski Nordik Forum
L'esperto risponde

Continua anche per la stagione 2019/20 la collaborazione con Angelo Carrara responsabile test ricerca e sviluppo di Briko Maplus per rispondere, su Ski Nordik forum, ai vari quesiti di sciolinatura e preparazione dei materiali.