Logo Sapporo
Sapporo International Ski Marathon segreteria: 1-5 Nakajimakoen, Chuo-ku, Sapporo 064-0931   JAPAN
Tecnica: libera

Web Official Site

 

 

 

 

 

 

Pista Sapporo Ski MarathonIl percorso della Sapporo Ski Marathon si sviluppa alla periferia dell’omonima città. Generalmente coperto da un consistente manto nevoso, il tracciato è caratterizzato da innumerevoli cambi di dislivello, le salite e le discese che si susseguono dalla partenza all’arrivo risultano comunque molto sciabili e tutt’altro che monotone.
L’organizzazione, ha per tutti gli stranieri un occhio di riguardo, i non appartenenti al “Sol Levante” hanno riservata la prima fila di partenza, che viene effettuata obbligatoriamente per i primi 300 m. in tecnica classica, percorrendo a spinta gli innumerevoli binari esistenti.
Anche se la distanza della gara non è tra le più lunghe, è comunque consigliabile portarsi al seguito una borraccia  con integratori propri. Purtroppo i ristori offrono moltissima frutta “sotto ghiaccio” e le poche bevande calde esistenti, risultano di dubbio appetito per noi europei, ed è sconsigliata la loro assunzione…
Il tempo massimo per percorrere i 50 chilometri del percorso è di 7 ore. Mentre per i 25 Km di 4 ore e trenta che, fungerà anche da “cancello orario” per i ritardatari della distanza maggiore.
Per assaporare completamente il soggiorno è preferibile alloggiare in città, la scomodità per raggiungere le piste è ampiamente ricambiata dall’offerta visiva ed ambientale del centro, è proprio in questo periodo che viene celebrata la festa della neve, uno degli eventi più coreografici e folcloristici del luogo. Un’altra peculiarità molto imponente e affascinante, la trovate nel sottosuolo, infatti anche qua come in alcune città nord americane, vi è una seconda metropoli sotterranea con dimensioni maggiori di quella in superficie.
Il luogo della partenza è raggiungibile dal centro città in poco meno di un’ora, si inizia con circa 35 minuti di metro, quindi raggiunta una delle quattro stazioni limitrofe al tracciato, altri 10/15 minuti di taxi (attenzione alle tariffe, non sono solo gli italiani a fare i furbi); il giorno della gara è possibile coprire il percorso effettuato dai taxi su autobus messi a disposizione dall’organizzazione.
Per concludere è meglio ricordarvi che le camere sono stile giapponese, sicuramente non i “loculi” che magari avete visto in qualche documentario, ma non troverete nemmeno il letto singolo da una piazza e mezza stile americano, qui tutto è studiato per economizzare spazio….. Per quanto riguarda il cibo, guardatevi bene in giro, non tutti parlano l’inglese e per evitare brutte sorprese al vostro palato e al vs. stomaco, l’unica soluzione valida è quella di trovare esposto un menù fotografico.

Lascia un commento

menu